Home » Epoca: Audi al Granpremio Nuvolari 2008

Epoca: Audi al Granpremio Nuvolari 2008

Spread the love

auto-union-gp-tipo-d.jpg
La scomparsa di Tazio Nuvolari, avvenuta l’11 agosto 1953, destò grande sensazione in tutto il mondo. In particolare, commosse gli uomini della Mille Miglia, Renzo Castagneto, Aymo Maggi e Giovanni Canestrini, i tre che con Franco Mazzotti, scomparso durante la Seconda Guerra Mondiale, avevano ideato e realizzato la “corsa più bella del mondo”.

Castagneto, deus ex machina della Mille Miglia, e i suoi amici erano autenticamente legati al pilota mantovano, non solo per l’affetto e la stima nei confronti dell’uomo e l’ammirazione che provavano per il grande campione, ma anche per i sentimenti di riconoscenza che gli attribuivano per essere stato tra coloro che, con le proprie gesta, avevano maggiormente contribuito all’inarrestabile crescita della loro creatura.

Per onorarne la memoria, il percorso tradizionale della Mille Miglia fu modificato così da transitare per Mantova. Dallo stesso anno fu istituito il GRAN PREMIO NUVOLARI, da assegnare al pilota più veloce e quindi da disputarsi sui lunghi rettilinei che “tagliano” la Pianura Padana, con partenza da Cremona e passando per Mantova, fino al traguardo di Brescia.

La storia contemporanea del Gran Premio Nuvolari, giunto quest’anno alla 54esima edizione, ci racconta di una competizione di regolarità per auto storiche tra le più prestigiose a livello internazionale. Anche per l’edizione 2008 gli equipaggi al via saranno circa 300, a bordo di autentici gioielli costruiti tra il 1919 e il 1969. I tre giorni di gara – da venerdì 19 a domenica 21 settembre – prenderanno il via dalla centralissima Piazza Sordello, a Mantova, che farà da cornice anche all’arrivo della competizione.

Dopo aver sostenuto le prime prove cronometrate nel Circuito del Té intitolato a Giorgio e Alberto Nuvolari (i figli di Tazio prematuramente scomparsi), gli equipaggi faranno rotta direttamente verso l’Adriatico, con tappa a Imola (prove nell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari), San Marino e Misano, dove nell’Autodromo Santa Monica si svolgerà la “Rimini Cup Night & Race”. L’arrivo della prima tappa è previsto, dopo 250 km percorsi, a Rimini in piazzale Fellini. Sabato 20 settembre la seconda tappa vedrà la carovana attraversare l’Appennino fino alle colline del Chianti, passando per Arezzo (in piazza Grande) e Siena (in piazza del Campo), e facendo ritorno a Rimini transitando per il Passo dei Mandrioli e San Leo, per un totale di circa 500 km. Il Grand Hotel di Rimini, che quest’anno festeggia il proprio centenario, farà da cornice alla tradizionale serata di gala. La terza tappa, domenica 21 settembre, sarà come ogni anno decisiva per la vittoria finale che si giocherà sul filo dei centesimi di secondo. Le principali prove cronometrate si terranno nel Circuito dell’Adriatico sul lungomare di Rimini, e, dopo il passaggio a Cervia, a Ferrara nel Circuito Ariosteo, prima di fare ritorno a Mantova in una piazza Sordello nuovamente gremita di appassionati pronti a salutare gli eroi del Nuvolari. Chiuderà la manifestazione, nel pomeriggio, la cerimonia di premiazione nel settecentesco teatro Bibiena.

Per l’undicesimo anno consecutivo la Audi, Divisione di Volkswagen Group Italia – Consociata Italiana del Gruppo Volkswagen e distributore dei Marchi Volkswagen, Škoda, Audi, SEAT e Volkswagen Veicoli Commerciali – è lo sponsor ufficiale di questo appassionante evento. La 76esima edizione della gara vedrà schierate al via ben otto vetture provenienti dal museo Audi di Ingolstadt. La “squadra” è composta da una Wanderer W 25 K, le DKW F93 Cabriolet quattro posti e Monza Coupé, l’Auto Union 1000 Sp e la sua gemella convertibile Auto Union 1000 Sp Roadster, due NSU 1200 TT e una NSU Wankel Spider. Come ogni anno, tra i numerosi equipaggi iscritti figurano nomi illustri della Audi, tra cui spiccano il pilota Dindo Capello, vincitore dell’ultima edizione della 24 Ore di Le Mans al volante della R10 TDI, e Thomas Frank, Responsabile della Audi Tradition.

Anche per questa edizione l’impegno profuso dal Comitato Organizzatore, Mantova Corse, in armonia col Museo Tazio Nuvolari, è stato prezioso al fine di ottenere gli ottimi risultati degli anni scorsi, che hanno visto alla partenza entusiastici equipaggi provenienti da tutto il mondo.

auto-union-1000-sp-roadster.jpg
nsu-1200-tt.jpg
wanderer-w25-k.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *